Inizio

P. D. OuspenskyL’emozione predominante in me è stata la paura – la paura di perdermi, la paura di scomparire in qualcosa di sconosciuto …
Ricordo una frase che scrissi in una lettera un tempo:
“ Ti sto scrivendo questa lettera, 
ma chi scriverà la prossima lettera,
firmandosi con il mio nome, 
e cosa dirà, io non lo so ”
Questa era la paura. Ma vi erano al contempo molti altri elementi: la paura di prendere la strada sbagliata, la paura di commettere un errore irreversibile, la paura di perdere altre diverse possibilità.
Tutto questo mi abbandonò in seguito, quando da un lato iniziai ad accrescere la fiducia in me stesso e dall’altro ad avere una fede pratica nel sistema.
da un manoscritto del 1927 - introduzione a Frammenti